Rimborso Sisma 90: dopo anni di attesa, finalmente è l’ora della svolta

Rimborso Sisma 90: dopo anni di attesa, finalmente è l’ora della svolta

Ho partecipato sabato scorso all’iniziativa promossa, nell’auditorium della Camera di Commercio, dall’associazione di volontariato Sisma 90, costituitasi a Ragusa per sensibilizzare sulla piena attuazione della legge di stabilità 2015 che, all’articolo 1 comma 665, prevede il rimborso dei contributi versati dai soggetti colpiti dal sisma del dicembre 1990.

Un appuntamento reso ancora più importante sul piano istituzionale per la presenza del vice ministro dell’Economia e Finanze, on. Enrico Morando.

Tra gli altri aspetti emersi, il fatto che il vice ministro abbia convenuto con i vari intervenuti sulla necessità di potenziare l’attività degli uffici preposti all’espletamento delle pratiche di rimborso come, tra l’altro, proposto anche dall’associazione Sisma 90.

Abbiamo, inoltre, ricordato che ai lavoratori dipendenti viene riconosciuto il diritto ad essere rimborsati (circostanza che, fino a qualche settimana fa, era stato oggetto di dispute interpretative).

L’altro ambito che mi piace sottolineare riguarda il fatto che l’on. Morando, in qualità di componente del governo nazionale, ha esplicitamente chiarito che saranno individuate, se necessario, ma sarà quasi certamente così, ulteriori risorse economiche in più rispetto a quanto oggi stanziato, vale a dire novanta milioni di euro.

Le ulteriori somme serviranno per rifinanziare il fondo destinato ai rimborsi della legge. L’Agenzia delle Entrate, inoltre, non dovrà più opporsi alle sentenze che la vedono soccombente nei vari gradi di giudizio.

E’ arrivato il momento, insomma, di scrivere la parola fine a questa tormentata vicenda con la liquidazione del dovuto nei confronti dei cittadini che, anche in seguito a un contenzioso, hanno ottenuto sentenze definitive in proprio favore.

Ringrazio l’associazione di volontariato Sisma 90 per avere organizzato un appuntamento che ha raccolto la presenza di numerosi associati che si sono potuti così finalmente rendere conto di quanto il percorso sia stato tutto in salita anche se, adesso, siamo pronti a raccogliere i frutti di tutto il lavoro fin qui svolto.

La senatrice Padua e il vice ministro Morando

Altre News